La mia idea di casa accogliente …

Ho sempre sognato di avere una casa “aperta” e, infatti, quando io e mio marito ci siamo sposati abbiamo voluto dei tavoli grandi, da unire, per poter ospitare amici e parenti.

Poi i tempi cambiano, i parenti vengono a mancare, i figli crescono, i mille problemi di allergie e di “credo” rendono quasi impossibile cucinare per trovarsi tutti intorno ad un tavolo, le energie  per preparare non sono più quelle dei trentanni, eppure … La mia casa è rimasta comunque una casa aperta!!!

Non è più l’accoglienza patinata delle riviste, del tutto perfettamente in ordine, ma l’accoglienza del dire di sì all’amica che ha voglia di fare due “chiacchiere” davanti ad una tisana; della pasta cucinata al volo per la figlia e il suo amico, in una cucina che finirò di rassettare per l’ora di merenda; del tavolo ricoperto di scartoffie, fotocopie e libri per discutere insieme di una lezione di catechismo; è il tavolino del salotto messo in un angolo per ospitare i giochi della piccola bimba della vicina che aveva una commissione da svolgere.

Qualcuno storcerà un po’ il naso, qualcuno criticherà … pazienza, io mi tengo le chiacchierate, i sorrisi e i baci al volo.

La frase per iniziare positivamente la tua giornata:

Una casa non è una questione di mattoni, ma di amore. Anche uno scantinato può essere meraviglioso.
(Christian Bobin)

Buona giornata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.