Buongiorno. Non ti senti già meglio pensando che potrai svegliarti con un po’ …

di tranquillità e di tempo per il tuo corpo?

dolce risveglio

Sicuramente ciò sarà maggiormente possibile se avrai riposato serenamente. Hai mai pensato di dedicare un momento alla meditazione, prima di addormentarti?

L’argomento meditazione è molto ricco, vario e lo approfondiremo strada facendo, però io ti consiglio un primo approccio per addormentarti più rilassato, abbastanza semplice, che richiama, vagamente, lo yoga Nidra. Prova a distenderti, pancia in su, braccia e gambe distese, occhi socchiusi. Ascolta i rumori esterni, poi quelli interni alla casa, alla stanza e inspira profondamente, gonfiando l’addome e il petto; espira rilasciando tutte le tensioni e contraendo l’addome. Fallo per alcune volte, poi inizia a respirare più naturalmente, ma ad ogni espirazione dirigi il respiro verso una parte del tuo corpo; prima dirigilo verso i  piedi poi fai la stessa cosa in successione nelle seguenti parti del corpo:

Le caviglie
•  I polpacci
•  Le ginocchia
•  Le cosce
•  Il bacino
•  L’addome e la parte inferiore della schiena
•  Il torace, il petto e la parte superiore della schiena
•  Le spalle
•  La parte superiore delle braccia
•  Gli avambracci
•  Le mani
•  I polsi
•  I gomiti
•  Nuovamente le spalle
•  Il collo
•  La testa (il viso)
Termina con alcune respirazioni profonde.

Ma ritorniamo alla nostra mattina!

“risveglio muscolare”

Ricordi?

Ruotare caviglie e polsi;

Piegare le ginocchia al petto;

Siediti e ruota le spalle

Prova ad accompagnare i singoli movimenti con la respirazione; inspira nella prima parte del movimento (esempio nella prima metà della rotazione delle caviglie, o delle spalle) ed espira nella seconda parte (quando torni nella posizione iniziale).

(Ormai hai quasi la flessibilità di un “giunco”!)

“appuntamento con acqua e colazione”

La frase per iniziare positivamente la tua giornata di oggi:

La pausa è il miglio rifugio delle idee confuse.

(Rachid Ouala)

Ti avevo promesso alcuni suggerimenti per non arrivare alla soglia dello stress, mantenendo la concentrazione su ciò che stai facendo. Questo è un piccolo passo e consiste  semplicemente nel prenderti una pausa di 5 minuti, ogni 25 minuti di lavoro. Fai qualcosa di diverso, anche semplicemente alcuni passi verso il bagno, se hai un capo molto attento alle “pause”!!! Inserisci una pausa di 10 minuti a metà mattina e a metà pomeriggio (quindi circa ogni 2 ore). Sicuramente è più fattibile per gli studenti, o i lavoratori autonomi! Però non dedicarti a consultare telefono, tablet etc., bensì a fare qualcosa di fisico. Vedrai che il resto del tempo ti renderà molto di più! Questa tecnica è stata ideata da Francesco Cirillo e prende il nome di “tecnica del pomodoro”, in quanto per programmare i tempi, l’ideatore ha utilizzato un timer da cucina a forma appunto di pomodoro! Semplice ed efficace!

A domattina.

Buona giornata.

PS Come ti sarai accorto, i miei, sono semplici consigli, appresi strada facendo, che spero ti siano di aiuto, come lo sono stati per me.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...